LE MARCHE CARTA D'IDENTITA' LA STORIA ECONOMIA CURIOSITA' LEGGENDE CHIROCEFALO DEL MARCHESONI



CARTA PUNTI

ECONOMIA MARCHIGIANA
L'agricoltura occupa un posto di rilievo grazie a una maggiore organizzazione e specializzazione della produzione rispetto al passato.
Un'altra importante risorsa è la pesca. I maggiori porti di pesca sono: Ancona,San Benedetto del Tronto,Civitanova Marche,Fano,Porto San Giorgio.
I colori delle diverse coltivazioni rendono tipico il paesaggio delle colline: vigneti, piantagioni di girasoli, orzo, frumento, barbabietole da zucchero, patate, ortaggi e olivi. Buone sono le produzioni di foraggio.

INDUSTRIAeconomia e lavoro

Legati ai prodotti agricoli,sono gli zuccherifici e gli oleifici. Importanti sono le industrie della produzione di insaccati . Gli impianti industriali sono situati lungo il litorale: tra i più importanti le raffinerie di Falconara Marittima e gli impianti chimici di Ancona e Civitanova, i cantieri navali di San Benedetto del Tronto e Ancona il cui porto è tra i più importanti del Mar Adriatico. Le Marche sono caratterizzate da tante piccole aziende, anche a conduzione familiare, che sono sparse in tutto il territorio.Qui si fabbrica un quinto della produzione italiana di scarpe e oltre la metàdella produzione di blue-jeans. Caratteristiche le ceramiche di Urbino, Pesaro e Recanati, le cartiere di carta pregiata di Fabriano e la produzione di strumenti musicali di Osimo. L’industria marchigiana ha raggiunto un buon livello di sviluppo nella pesca, dove occupa uno dei primi posti per la quantità di pesce pescato in Italia..home